Skin ADV

12 Agosto 2019 0

SALERNITANA, CHE TRIS VENTURA OK LA PRIMA


Una Salernitana di Ventura, bella e vincente. Comincia bene la nuova stagione per i granata allenati dall’ex tecnico della nazionale italiana, Gian Piero Ventura. L’ippocampo supera agevolmente il Catanzaro (squadra di serie C) all’Arechi in coppa Italia e domenica affronterà il Lecce nel terzo turno eliminatorio della competizione tricolore. Finisce 3-0; decisive le reti di Kiyine e la doppietta di Giannetti a cavallo dei due tempi. Basta solo una frazione di gioco ai padroni di casa per ipotecare il passaggio del turno contro i calabresi, scortati a Salerno da circa 300 tifosi.
SUPREMAZIA GRANATANel primo tempo c’è solo la Salernitana. I granata schierati in campo con il consueto 3-5-2 macinano idee, costruiscono azioni e tengono sistematicamente in mano il pallino del gioco. Convince il centrocampo di qualità schierato da Ventura. Su tutte, brilla la stella nascente di Fabio Maistro capace di dettare i tempi, inserirsi e provare a fornire assistenza ai compagni. Sugli esterni, poi, Lombardi e Kiyine si disimpegnano bene in entrambe le fasi. Il primo da il via alla lunga serie di occasioni dei padroni di casa con una bella incursione sulla destra che non trova un compagno utile a rimorchio (6′). Ancora l’ex Venezia (17′) di destro costringe Adamonis ad usare i pugni su un bell’assist del solito Maistro. In attacco, Giannetti e Jallow fraseggiano bene, si compensano e contribuiscono a sbloccare la partita. Il primo serve Jallow (20′) che sterza e cerca il destro a giro: Adamonis è battuto, la palla stecca sul piede di Maistro e Signorini con la mano evita la rete. Complici le nuove regole, il rigore è ineccepibile. Dal dischetto si presenta Kiyine che spiazza Adamonis (22′), la sfera carambola sul palo prima di finire in porta. Prima dell’intervallo c’è spazio per l’eurogol di Giannetti (45′) che in sforbiciata acrobatica buca Adamonis, su assist di Jallow. Nella ripresa il Catanzaro prova a reagire. Kanoutè accorcia, ma è pescato in off side. Poco più tardi De Risio di destro (16′) impegna seriamente Micai. La Salernitana si sveglia dal torpore. Prima Jallow (25′) centra il palo su verticalizzazione di Giannetti. Poco più tardi i granata chiudono i conti con il solito Giannetti (28′) ben servito dal nuovo entrato Akpa Akpro che deve soltanto appoggiarla in porta. Prima della fine il gol della bandiera del Catanzaro segnato di testa dal nuovo entrato Mangni. (Il MATTINO)


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento! »